VOLUNIA IL MOTORE DI RICERCA DEL TERZO MILLENNIO

Caro Massimo Marchiori, ho scoperto Volunia http://launch.volunia.com/ e sono contento di apprendere che esistono persone come lei che desiderano far chiarezza sugli aspetti generali del web. La mia impressione osservando il motore da lei ideato è che il concetto “seek & meet” rappresenti un semplificazione dello sforzo intuitivo, valore essenziale oggi per navigare on-line. L’utente percepisce una maggior sicurezza nella ricerca, un senso di appartenenza, un coinvolgimento più intellettuale, un approccio più diretto a un mondo virtuale cosi ampio e articolato ma al tempo stesso costituito da progetti comuni a tutti dove sentirsi liberi di condividere i pensieri senza essere incasellati come matricole all’interno di un sistema apparentemente gestito da oscuri controllori della rete.

Volevo congratularmi con Lei per l’ottimo lavoro svolto e dirle che sono convinto che sia la strada giusta e di non sentirsi ferito dalla poco lungimiranza espressa da coloro che l’hanno criticata inutilmente.

http://launch.volunia.com/

Devo dirle che trovo il suo approccio del tutto necessario e stimolante. I contenuti ordinati e il percorso avanzato di mind-mapping permettono all’utente di individuare prima di tutto il loro obiettivo, e quella percezione di successo è uno stimolo necessario per oltrepassare quel senso di abbandono, dovuto alla complessità della rete che spesso disorienta l’utente. In fondo come ben sappiamo il web è il mondo sociale di oggi, e la perdita di alcuni valori essenziali come la chiarezza dei contenuti influisce notevolmente sulla sensibilità dell’utente. Per questo condivido pienamente il suo atteggiamento di concretezza seek & meet, che determina a mio avviso un processo logico per cui l’utente è spinto in avanti da un senso di appartenenza e per questo partecipa attivamente alla vita sociale web. Motivato e quindi più consapevole che ad ogni sua azione corrisponde una reazione altrettanto utile al prossimo, da cui nasce un senso di responsabilità sociale, l’utente non rinuncia al piacere di condividere esperienze personali attraverso la ricerca di contenuti a tema.

Credo sia giusto anche lasciare che il social search engine (Volunia http://launch.volunia.com/) sia libero da schemi rigidi di marketing, e che siano gli utenti a esprimere se stessi in modo autentico, saranno poi i dati a confermare le esigenze delle persone.

Ritengo che Volunia rappresenti quel terreno fertile dove possa crescere l’idea di un nuova realtà web dove il fattore umano e la tecnologia siano complementari tra loro, e non rappresenti solo un principio commerciale come è stato fino ad esso.

Spero che tutte le persone siano altrettanto attratte da questo nuovo sistema di interazione e che possano comprendere prima di tutto come sia facile e indispensabile accedere a una comunicazione globale desiderando un mondo più ricco di idee e di valori per tutti.